martedì 2 giugno 2009

REUTERS PUBBLICA UN ARTICOLO CHE CI INTERESSA


“L’agopuntura apporta maggior sollievo alle persone con mal di schiena rispetto ai trattamenti standard, sia se fatta con uno stecchino che con un vero ago. Questo afferma uno studio che solleva nuovi dibattiti circa il funzionamento dell’agopuntura.”
“In un altro studio è stato scritto che perfino il tocco leggero della pelle può indurre qualche reazione emozionale e ormonale, il che può spiegare il beneficio.”

Noi operatori di acupressure avevamo la stessa sensazione. Cioè che senza usare aghi, senza ricorrere a stecchini di qualche genere, o punture varie, ma usando semplicemente le dita per premere sugli stessi punti che usano gli agopuntori era possibile alleviare molte forme di dolore.
Il cliente tipico JSD con una buona risposta ai trattamenti riferisce molto spesso che le sensazioni di dolore precedenti alle pressioni con le dita sono o scomparse o, comunque, diminuite. Tra noi operatori si è parlato sempre di questi piccoli miracoli accumulando nel tempo maggior rispetto per questa tecnica. Sicuramente non abbiamo mai inteso il sollievo del cliente come guarigione clinica, ma certamente riconoscendo alla tecnica di saper offrire un aiuto al vivere meglio i propri disagi.
Quando ho letto queste poche righe non mi è venuto in mente “l’avevo detto io” ma mi sono certamente sentita confortata nelle mie convinzioni. Quello che è moderno e scientifico si è incontrato con quello che è antico e frutto di una sapienza molto più empirica, collegata anche al sentire.
L’articolo completo in inglese, pubblicato da Reuters, è al
https://uk.reuters.com/article/us-acupuncture-spine/acupuncture-real-or-fake-helps-aching-back-study-idUKTRE54A5QE20090511